Olimpiadi 2019: follow-up dell’evento

Dal 29 al 31 marzo 2019 si sono tenute a Genova le Olimpiadi di Robotica, un progetto del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, organizzate per la prima volta quest’anno da Scuola di Robotica.

L’evento, giunto alla quarta edizione, ha registrato un notevole incremento delle squadre partecipanti. Un trend positivo confermato dai numeri. Infatti nel 2017 erano 23 le squadre partecipanti alla Finale. Nel 2018 erano 43 le finaliste mentre, durante questa edizione, sono stati 90 i team che hanno partecipato alla Finale.

Dedicata agli studenti della scuola secondaria di II grado, statale e paritaria, con l’obiettivo di promuovere, incoraggiare e sostenere le potenzialità didattiche e formative della robotica l’edizione 2019 ha promosso la tutela e la salvaguardia dell’ambiente come tema principale dell’evento. I novanta finalisti hanno partecipato suddivisi in squadre (ciascuna composta da tre alunni, oltre al proprio docente). Tre le categorie di gara, una per i principali elementi del nostro pianeta: terra, acqua e aria.

Ciascun team ha scelto in quale categoria partecipare in fase di selezione attraverso la creazione di tre video nei quali veniva presentata la squadra, il problema selezionato e la soluzione individuata. Le squadre che hanno partecipato alla selezione erano 300 per un totale di 120 video inviati.

Le Olimpiadi sono legate alla European Robotics League e le squadre vincitrici potranno partecipare all’edizione ERL Emergency Service Robots che si terrà a La Spezia, a luglio prossimo.

L’evento, che vedrà la presenza dei più prestigiosi istituti universitari internazionali, sarà organizzato in Italia da Nato Sto Centre for Maritime Research and Experimentation (CMRE) di La Spezia.

In contemporanea con le gare sono stati realizzati laboratori didattici gratuiti, promossi dalla ‘Scuola di Robotica’ di Genova in collaborazione con Costa Crociere Foundation e Fifthingenium, e conferenze aperte alle scuole e al pubblico.